Settembre

Referendum consultivo del 22/10/2017. Lettera aperta del Sindaco ai Tarzesi.

Care cittadine e cari cittadini di Tarzo,

credo che tutti noi siamo a conoscenza che il 22 ottobre di quest'anno, grazie all'iniziativa della Regione che ha comportato uno sforzo importate in termini di impiego di risorse umane e finanziarie, siamo invitati a recarci alle urne per dire la nostra sul seguente quesito "Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?".

Si tratta di un quesito formulato in modo semplice e concreto,  come semplice e concreto è il Popolo Veneto. Affinché l'iniziativa abbia valore ad ogni livello istituzionale, deve dare un messaggio chiaro, bisogna andare in tanti a votare, non basta che voti il 50% più uno degli aventi diritto, e quindi il referendum passa, l'affluenza deve essere plebiscitaria, non ci sono scuse, e deve stravincere il si, queste sono l'unica condizione per essere ascoltati a livello Istituzionale Centrale e non dover dire il giorno dopo ragazzi e andata male, abbiamo scherzato abbiamo avuto l'occasione, adesso è finita.

Certo della Vostra serietà e concretezza, nel rispetto delle Vostre idee politiche, andate a votare ed esprimetevi, questa volta ne vale veramente la pena, è per il futuro, è per decidere il nostro domani, è un'occasione unica, non ce ne saranno altre per il Veneto e i veneti. Il 22 ottobre avete un appuntamento con il cambiamento un appuntamento con Voi stessi.

Tarzo, 22/08/2017                                           Il Sindaco

                                                                 Vincenzo Sacchet