Nuove disposizioni in materia di macellazione per il consumo domestico privato

Logo-Tarzo_per_news

Il decreto legislativo 2 febbraio 2021 n. 27 che contiene disposizioni per l'applicazione a livello nazionale del regolamento (UE) 2017/625 in materia di controlli ufficiali e di altre attività ufficiali sulla filiera agroalimentare, all’art. 18, comma 1, lettera a), ha abrogato il Regio Decreto 20 dicembre 1928 n. 3298, il cui articolo 13 era la norma di riferimento nazionale per la regolamentazione dell’attività di macellazione degli ungulati domestici al di fuori del macello. Il medesimo dgs 27/2021, all’art. 16 rubricato “Disposizioni in materia di macellazione per il consumo domestico privato” pone la disciplina in capo alle Regioni e P.A. stabilendo i principi, i criteri ed i limiti entro i quali consentire il mantenimento di metodi e consumi tradizionali.  

Si evidenzia in particolare che in conseguenza dell’abrogazione del RD 3298/1928:

- la procedura che prevedeva “l’autorizzazione dall'Autorità comunale” è sostituita dalla “comunicazione del luogo e della data della macellazione all’AULSS territorialmente competente sull’allevamento”, da parte del privato interessato;  
- non vi è più l’obbligo dell’ispezione sistematica, da parte del veterinario dell’AULSS, delle carni degli ungulati macellati al di fuori del macello per il consumo domestico privato, ma la disciplina di tale attività è posta in capo alla Regione. I privati interessati possono comunque richiedere l’ispezione delle carni come prestazione a pagamento.  

La situazione epidemiologica sul territorio regionale nel caso dei suini, consente di programmare ed eseguire controlli e verifiche sulla base del rischio e garantire comunque l’intervento in caso di segnalazione da parte dell’allevatore, salvo nel caso di suini allevati allo stato brado/semibrado. Invece, nel caso degli ovini e dei caprini, macellabili fuori dal macello solo nel territorio del bellunese, vista la diffusione di alcune zoonosi in queste specie, considerata la tipologia di allevamento che comporta una elevata promiscuità con animali selvatici e data la necessità di dare attuazione ai piani di sorveglianza nazionali e regionali di determinate patologie, fino a diversa indicazione, l’AULSS 1 Dolomiti esegue sistematicamente un sopralluogo per ogni macellazione di animali della specie ovina e caprina. 
Per le prestazioni di ispezione effettuate su richiesta dell’interessato dal veterinario dell’AULSS, in caso di macellazione di animali al di fuori del macello per autoconsumo, fino al 31/12/2021 l’AULSS applica la tariffa prevista dal tariffario regionale vigente mentre, per quelle erogate a partire dall’1/1/2022, l’AULSS applica le disposizioni previste nell’articolo 7, comma 1, del dlgs 32/2021.